Aspetti legali per e-commerce

Qualche anno fa ad un freelance camp abbiamo conosciuto e seguito la presentazione di Giorgio Trono, un avvocato spigliato, affabile e che parla in italiano e non solamente in “legalese”.

Dopo aver stretto “amicizia” su Facebook avremmo voluto contattarlo per vedere qualcosa assieme ma non c’è ancora stata occasione. La scorsa settimana, abbiamo visto un suo post per il lancio del nuovo sito e siamo andati a vederlo. In homepage la nostra attenzione si sofferma su un titolo a inizio pagina: “Gli aspetti legali dell’ecommerce: la mia guida. Scaricala qui, è gratuita!“. Per scaricarla basta inserire l’indirizzo email ed eventualmente di iscriversi alla newsletter dopodiché arriva un’email con un link alla guida.

Non è di certo di nostra competenza redigere privacy o termini vari ma è bene essere informati e saper consigliare. Solitamente questi documenti ci vengono consegnati dal cliente per cui non approfondiamo troppo ma, specie per gli e-commerce, c’è ancora molta confusione e spesso ci viene chiesto cosa fare.

Ecco, questa guida è per tutti voi. Una trentina di pagine che riassumono cosa dovete sapere per vendere online tra cui privacy, responsabilità, garanzia, recesso, etc… e che vi permettono di capire quello che dovete fare oltre a fotografare prodotti e  preparare descrizioni e traduzioni.

Visitate il suo sito e scaricate la guida qui: http://www.giorgiotrono.it/guide/e-commerce-normativa/#download

Se poi avete bisogno di un consiglio legale riguardante questi temi, contattatelo pure. Noi abbiamo avuto fin da subito un’ottima impressione umana e professionale.

Se invece siete arrivati su questo articolo perché volete vendere online, chiamateci.

I cookie e la privacy dal 3 Giugno 2015

Nelle ultime settimane in molti ci hanno chiesto se devono adeguare il proprio sito secondo le norme europee entro il 3 Giugno 2015. Visto la confusione cerchiamo brevemente di fare chiarezza.

Se il tuo sito utilizza dei cookie di profilazione pubblicitaria di prima o terza parte, cookie di retargeting, cookie di social network, cookie di statistica gestiti completamente dalle terze parti per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini, anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati allora si deve informare l’utente, con un apposito messaggio, e fargli scegliere se proseguire o meno la navigazione.

Nel caso dei social plugin (pulsanti social di Facebook, Twitter, Google+ e via dicendo) questi comportano l’installazione di cookie e dev’essere quindi richiesto il consenso prima del loro avvio. Questo non serve per i semplici collegamenti alle pagine social.

Se il tuo sito utilizza dei cookie analytics di terze parti per il monitoraggio di  accessi e statistiche come Google Analytics è sufficiente specificare il servizio utilizzato all’interno del documento di privacy del sito stesso e impostare che gli IP siano anonimi sul relativo script (vedi Anonimizzazione IP in Google Analytics).

Nel documento di privacy devono essere specificati nel dettaglio i cookie utilizzati e loro scopo.

Per maggiori info: Adozione cookie policy

Alcune precisazioni dal Garante: “Non temete, non abbiamo intenzione di metterci subito a fare le multe. Per ora vogliamo che la nuova legge venga recepita” …
Leggi l’intervista completa su Cookie Law, il chiarimento del Garante

Esempio di diffida al trattamento dei dati personali

Alla cortese attenzione del responsabile trattamento dati

Ho ricevuto da voi oggi il messaggio commerciale non richiesto che trovate di seguito alla presente mail/fax/sms.

Ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196 (Testo Unico in materia di protezione dei dati personali), chiedo a voi:

1. il nome, cognome e indirizzo (o denominazione o ragione sociale e domicilio) del titolare e del responsabile legale del trattamento;
2. se siete per caso in possesso di una mia preventiva dichiarazione con la quale vi autorizzo al trattamento dei miei dati personali (nella fattispecie del mio numero di telefono), resa con le modalità previste dall’art.13 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196 o dell’art. 10 della Legge 31/12/1996, n. 675 se il mio consenso vi è stato dato prima dell’ 1/1/2004;
3. l’esatta origine dei miei dati personali in vostro possesso;
4. nel caso i dati fossero stati acquisiti da terzi, se questa terza parte è anche in possesso (oltre alle liberatorie precedenti) di una mia dichiarazione, resa anch’essa con le modalità sopra citate, con la quale autorizzo alla diffusione dei dati.

Valga la presente anche come DIFFIDA all’ulteriore trattamento dei miei dati personali in vostro possesso, con riserva di ogni azione e ragione anche per risarcimento danni.
Richiedo inoltre l’immediata cancellazione di tali dati secondo quanto previsto dalle lettere b) e c) dell’art. 7 comma 3 del D.Lgs. 30/06/2003, n.196.
In caso di mancato o inidoneo riscontro alla presente istanza entro il termine di 15 giorni, il sottoscritto si riserva, ai sensi dell’art. 145 del D.Lgs. 30/06/2003, n. 196 di rivolgersi all’autorità giudiziaria o di presentare ricorso al Garante per la protezione dei dati personali.

Una eventuale risposta con frasi prive di significato legale, come “i suoi dati sono stati presi da elenchi pubblici etc.”, senza rispondere, a termine di legge, a quanto sopra richiesto, non sarà soddisfacente.

Luogo, Data

Distinti saluti,
ACME

Fonte:
E-mail marketing – Strategie e tecniche efficaci per fare business – pag. 61,62 – Hoepli
http://www.hoepli.it/libro/e-mail-marketing/9788820341831.asp