Tecnologia React Native: la tua app con cosa è costruita?

6 minuti di lettura
Tecnologia React Native: la tua app con cosa è costruita?

Stai per sviluppare una app per la tua azienda e non hai mai sentito parlare di React Native? Allora forse c’è un problema… 

Attenzione, non sosteniamo che la tecnologia React Native è la soluzione più adatta alle tue esigenze, ma sapere che è una delle opzioni ti permetterà di  compiere una scelta più consapevole.

Facciamo un passo indietro per comprendere come semplici considerazioni, tutt'altro che tecniche, su aspetti comunque inerenti la tecnologia, possano aiutare nel mondo delle applicazioni digitali un manager o un imprenditore a controllare aspetti critici di un business.

Dal nostro punto di vista, siamo soddisfatti che la moda di sviluppare applicazioni sia terminata in favore di un approccio più consapevole e mirato da parte delle aziende: lo sviluppo di un’app deve essere la risposta ad un’esigenza chiara e specifica.

Che si tratti di un’app rivolta al cliente finale o di un’app a supporto della rete vendita, questa deve essere uno strumento che ha una funzione strategica nel tuo business, che risponde a degli obiettivi specifici  (puoi trovare un esempio di un’app che abbiamo sviluppato a supporto della rete vendita qui) e realizzata in modo da sostenere rapidi upgrade e nuove funzionalità.

Infatti, tra le variabili da tenere in considerazione (pensiamo all’usabilità, alla sicurezza, aspetti legati alla privacy, integrazione con sistemi dell’azienda, i costi, etc.) c’è sicuramente la capacità di stare al passo con i rapidi mutamenti e le innovazioni del mondo web avendo tempi di sviluppo sostenibili.

Una delle variabili strategiche nella creazione e gestione di un qualunque business, e a maggior ragione nel mondo digitale, è la velocità: l'idea di un'applicazione web deve essere trasformata in un prodotto in tempi brevi, deve arrivare sul mercato molto velocemente perché nasce da un'esigenza "conclamata" o perchè deve anticipare eventuali altri soluzioni che rispondono a quel bisogno.

Allo stesso modo deve essere semplicemente e velocemente modificabile per rispondere a implementazioni di prodotto, a nuove esigenze degli utilizzatori, a cambiamenti normativi, a prodotti della concorrenza, ecc.

E' per questo motivo che diventa importante scegliere un partner che utilizza una tecnologia in grado di accorciare i tempi di sviluppo, il tempo di rilascio su piattaforme diverse (Android vs iPhone) e il tempi per modificheimplementazioni sulle piattaforme operative utilizzate.
 

Ecco perché la tecnologia React Native

E qui rientra in scena la tecnologia React Native, promossa da Facebook che risponde a questa criticità permettendo di elaborare applicazioni per Android e iOs usando un unico codice, soluzione che comporta una notevole semplificazione dei processi di sviluppo oltre all’ottimizzazione di tempi e costi: infatti, non è più necessario sviluppare due app native distinte (doppi costi di sviluppo e test) o accontentarsi di una web app (resa non ottimale e che non sempre riesce a soddisfare specifiche esigenze, ad esempio utilizzare il GPS o il Bluetooth integrato nello smartphone).

Nata per specifiche esigenze in casa Zuckerberg e sostenuta da una nutrita community di sviluppatori, la tecnologia React Native, che permette di sviluppare nel consolidato linguaggio Javascript, è la scelta su cui ricadono grandi aziende come Tesla, Uber, Skype, Airbnb, oltre, ovviamente a Facebook e Instagram, il che rappresenta, nella logica del settore, una importante garanzia.

Ecco perché, quando i vincoli di progetto ci impediscono di sviluppare interamente in nativo, e dobbiamo contenere i costi, la nostra scelta ricade sulla tecnologia React Native (che comunque consente di integrare nei progetti un codice nativo!)

Vuoi scoprire qualcosa di più sulla tecnologia React Native? Leggi un articolo di approfondimento qui.

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per informazioni maggiori leggi la privacy policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.